Che cosa significa il termine “Halloween”?

La parola Halloween è una variante Scozzese del termine Inglese All Hallows’ Eve che indica la Notte di tutti gli Spiriti Sacri, la vigilia di Ognissanti che tradizionalmente si celebra la notte del 31 Ottobre.

La Leggenda di Jack O’Lantern

L’origine della parola Halloween probabilmente deriva dalla leggenda di Jack O’Lantern, il fabbro Stringy Jack che aveva venduto l’anima al diavolo per pagare i suoi debiti.

Jack era molto furbo e riuscì ad imbrogliare più volte il diavolo, tanto che quando morì – nella notte di Halloween – la sua anima arrivò dritta in Paradiso.

Quando il diavolo rivendicò il suo patto, Jack fu cacciato e rispedito all’Inferno dove la sua anima tormentata venne condannata a vagare per sempre nel buio eterno.

L’uomo però riuscì a raggirarlo ancora una volta, perché fece arrabbiare il diavolo che gli tirò dietro un tizzone ardente.

Jack prese il tizzone e lo mise all’interno di una rapa che aveva scavato appositamente per farsi luce nelle tenebre, una sorta di lanterna magica che gli Anglosassoni chiamano appunto Jack-o-‘Lantern.

Secondo la leggenda, la notte di Halloween l’anima di Jack vaga per il mondo con la sua lanterna scavata nella zucca e poiché il termine inglese per scavare è to hollow (e quindi l’atto di scavare è hollowing) anche da ciò deriverebbe il termine Halloween

Cosa festeggiavano gli antichi Celti?

Secondo le fonti storiche, invece, la festa di Halloween avrebbe origine dall’antico Capodanno Celtico: il Samhain, che separava il periodo estivo da quello invernale.

Quando gli antichi Romani conquistarono il popolo Celtico identificarono il Samhain con la loro festa dei morti.

Durante il Cristianesimo, per sostituire questa festività pagana, il Papa Gregorio III decise di unificarla alla festa di Ognissanti,  la celebrazione sacra delle reliquie dei Santi Apostoli.

Alcune tradizioni popolari del Samhain però continuarono ad essere tramandate, sopratutto quella di lasciare la notte del 31 Ottobre dei doni di cibo sulla tavola per placare le anime dei defunti ed evitare i loro dispetti.

Perché si dice “Dolcetto o Scherzetto”?

E’ proprio questa usanza tramandata dal popolo Celtico ad avere diffuso negli Stati Uniti il rituale del “trick-or-treat” che è molto amato sopratutto dai bambini.

Secondo la tradizione popolare americana, per evitare di incappare negli scherzi e nella sfortuna bisogna bussare a 13 porte diverse e porre 13 volte la domanda fatidica: dolcetto o scherzetto?

Quindi se siete superstiziosi questa notte, prima che bussino alla vostra porta, ricordatevi di procurarvi dei buoni dolcetti o riceverete tanti brutti scherzetti!

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Divulgatore Pop – Segui le mie Avventure del Sapere!

DIVULGATORE POP - IL SAPERE E' UN'AVVENTURA!

Seguimi su Youtube e sui Social